citt.PNG
la nostra immagine

Premessa


Immaginiamo di avere, ai confini delle nostre „città“, un „villaggio“ pieno di luci, colori, velocità, seduzioni, e di consentire ai nostri giovani di frequentare il „villaggio“ liberamente. Noi non siamo mai andati nel „villaggio“ e non ne conosciamo tutti i luoghi dove le leggi a cui siamo usi non valgono nella „dimensione liquida“ delle relazioni e delle situazioni in continuo divenire.
Applicare al „villaggio“ le regole della „città“ non serve: nel „villaggio“ confluiscono anche altri da altre città con altre regole. Il „villaggio“ rischia di diventare un „non luogo“ lasciato a se stesso.
Oggi il Web è „villaggio“, in cui i nostri giovani cercano nella velocità e nelle relazioni a distanza la loro identità che forse nelle „città“ in cui abitano normalmente non trovano più.
Il sistema formativo della scuola cerca di contribuire alla costruzione dell'identità fornendo un scatola per il Puzzle, dove sul coperchio c'è già l'immagine e dove i singoli pezzi alla fine scomporranno, dopo tentativi, la figura giusta (Zygmunt Bauman, Intervista sull'identità). I giovani nella rete hanno davanti una complessità in movimento e nessuna immagine fa da guida alla costruzione di una identità che è in negoziazione continua.
Noi adulti ne parliamo e inorridiamo osservando alcuni comportamenti deviati che rimbalzano anche in „città“ (cfr bullismo su youtube), stigmatizziamo, corriamo ai ripari cercando regole che possiamo applicare al mondo così come lo abbiamo conosciuto per secoli ma non al Web.
Nessuna norma vigente nel mondo cosiddetto reale può correggere atteggiamenti distorti sul Web. La globalizzazione della rete, grazie e a causa anche dei Social Software del Web 2.0, impone una riflessione nella comunità educante, che a volte parla del problema come Averroè parlava della Tragedia e della Commedia (Jorge Luis Borges, La ricerca di Averroè), ovvero senza aver mai osservato il problema da vicino.
Intendo iniziare qui una serie di incontri e tavole rotonde con esperti, non esperti, webnauti, docenti, fiancheggiatori di varie discipline (sociologia, comunicazione, giurisprudenza, pedagogia) per discutere e arrivare ad individuare una possibile strada per affiancare in modo giusto la costruzione di competenze per la cittadinanza digitale consapevole, ovvero educare i nostri giovani alla legalità e alla „responsabilità creativa(Fernando Savater, Etica per un figlio) nella dimensione sempre più inclusiva del „villaggio“ che però rischia di diventare esclusiva della „città“ e delle regole.





Dobbiaco, luglio 2008

Le foto dell'incontro


I partecipanti


  • Gino Roncaglia









Il luogo

Dobbiaco
Grand Hotel (Alloggio spartano, cornice fantastica)


La vecchia residenza asburgica adibita all'accoglienza
La vecchia residenza asburgica adibita all'accoglienza




Dobbiaco è anche la sede delle settimane dedicate a Gustav Mahler
(inizio 2008 il 12 luglio)



Gustav Mahler
Gustav Mahler



Come arrivare?


Consigliato il treno, la struttura è davanti alla stazione! Ma c'e' una piccola variazione.

Da Bolzano fino a Fortezza treno, poi autobus sostitutivo. Cio' fino a fine luglio 2008, per lavori alla linea ferroviaria. In autobus si attraversano anche alcuni centri, come Brunico. Forse è piu' lungo (non tanto) ma è come un City Sightseeing in val Pusteria! Si acquista normalmente il biglietto per il treno fino a Dobbiaco, ma a Fortezza si cambia e si sale sul bus.
Oppure si puo' arrivare in automobile, o come Giorgio Jannis in Vespa!

Come arrivare a Dobbiaco
Come arrivare a Dobbiaco

Via Dolomiti 29, I-39034 Dobbiaco (BZ), Alta Pusteria - Alto Adige - Italia


Il programma


Saremo a Dobbiaco dalla cena di giovedì 10 al pranzo di domenica 13.
Scopo dell'incontro è il confronto la comunicazione generativa, ovvero uscire dalle giornate con idee propositive.
La tematica è relativa allo
Sviluppo delle competenze per una cittadinanza digitale attiva e responsabile
ovvero Educazione Civica 2.0
ma anche Competenze per una scuola rinnovata.
All'interno delle giornate ci sarà l'incontro in presenza di Scuola3d per riflettere su possibili sviluppi del progetto.


Giovedì 10 luglio


Nel pomeriggio arrivo, sistemazione, cena.
ore 21.30-23.00: salotto socializzante di confronto orizzontale, affinché tutti si presentino, si conoscano, prendano consapevolezza delle competenze professionali degli altri.
docentetipica.gif


Venerdì 11 luglio


Mattina, presentazione, conferenza e lavoro di riflessione.

Ore 9.00-9.45: Plenaria, presentazione del progetto e illustrazione delle modalità di lavoro delle 3 giornate.
ore 9.45-10.30: Video conferenza di Gino Roncaglia: Open Courseware e il movimento per i contenuti aperti nell'e-Learning
Un intervento di Isabel de Maurissens sui Creative Commons
Isabel ci segnala anche questo prezioso testo **Libre Culture: Meditations on Free Culture**, di David M. Berry and Giles Moss
ore 10.30-11.00: Pausa caffè
ore 11.00-12.30: Formazione dei gruppi e lavori di gruppo su quanto ascoltato:


ore 12.30-13.00: Confronto in plenaria

ore 13-14.30 Pranzo

Pomeriggio e sera, incontri e scambio esperienze:

ore 14.30- 15.30: Marco Caresia, Progetto Plio



ore 15.30-16.00: pausa
ore 16.00-17.00: Bonaria Biancu, Tendenze, prospettive e visioni della (produzione di) conoscenza online


ore 17.00-19.30: Riposo
ore 19.30-21.00: Cena

ore 21.30-23.00:salotto per scambio orizzontale di esperienze, materiali e strumenti web 2.0 utilizzabili in percorsi didattici per sviluppo di competenze
Web 2.0, parole, strumenti, esempi for beginners




Sabato 12 luglio


Mattina, conferenza e lavoro di riflessione.
I lavori della mattinata saranno coordinati da Mario Rotta
Ore 9.00-9.45: Plenaria, confronto e primo Brainstorming progettuale alla luce di quanto emerso il giorno prima.
Presentazione di Mario Rotta: Dicotomie come motore di pensiero: sulle contraddizioni del Web 2.0
Appunti dal Blog di Bonaria Biancu


ore 9.45-10.30: Intervento di Giorgio Jannis, Cultura TecnoTerritoriale e Abitanza biodigitale


giorginopic.png
Giorgio Jannis


ore 10.30-11.00: Pausa caffè
ore 11.00-12.30: Formazione dei gruppi e lavori di gruppo su quanto ascoltato
ore 12.30-13.00: Confronto in plenaria

ore 13-14.30 Pranzo

Pomeriggio dedicato a Scuola3d

ore 14.30-16.30: Scuola3d si confronta: progetti strumenti e sviluppi. 6 spazi di 20 minuti ciascuno riservati ai partecipanti al progetto per illustrare progetti o proposte.

ore 16.30 17.00: Pausa caffè
ore 17.00-18.30: Due laboratori tecnici a scelta:

Alessandro Rigitano, Grafica per scuola3d
Pasquale Pittaluga, Lavorare e costruire su Scuola3d

Discussione su scuola3d
external image s3d_img.jpg
ore 18.30-19.30: Riposo
ore 19.30-21.00: Cena

SERATA LIBERA, opportunità per chi vuole di assistere alla serata inaugurale delle Settimane Musicali Gustav Mahler 2008
Programma


Domenica 13 luglio


Ore 9.00-9.45: Plenaria, confronto e Brainstorming progettuale alla luce di quanto emerso il giorno prima.
ore 9.45-10.30: Coordinamento di Luisanna Fiorini, Mappa mentale di Enrico Hell
ore 10.30-11.00: Pausa caffè
ore 11.00-12.30: Relazione dei gruppi di lavoro
  • individuare le competenze per il futuro, per la gestione della complessità, l'auto-orientamento, ...
  • proporre possibili azioni per l'aggiornamento del personale docente e degli operatori del sistema istruzione e formazione;
  • segnalare possibili metodi di esplorazione e gestione delle fonti aperte e dinamiche, degli strumenti del M-learning.
  • .....

Vai alla mappa mentale creata in seduta plenaria
, su Mind42
Guarda la mappa in formato immagine e clicca per ingrandire


mappa_dobbiaco_pic.png

ore 12.30-13.00 Conclusione e buoni propositi
ore 13.00: Pranzo, baci, abbracci e coccole, saluti.


Raccomandazioni e info


Avremo a disposizione 10 LapTop con collegamento wi-fi. Sistema operativo Ubuntu-Eland della distro adottata qui nelle scuole di Bolzano, così chi non lo ha mai usato potrà vedere l'altra faccia della Luna.
L'accesso passa per autenticazione utente.
(A proposito: come si installa Scuola3d su FUSS?)
Per gli applicativi WebTop non fa alcuna differenza. Per la lezione di grafica di Alessandro Rigitano ci avvarremo del suo LapTop.,
Portate anche i vostri inseparabili dispositivi...
L'hotel si chiama Grand Hotel, ma accoglie in modo molto informale anche scolaresche e gruppi. Durante il nostro soggiorno conviveremo con un gruppo selvaggio di circa 60 ragazzi, preparatevi (li vedremo solo ad ore pasti...).
Alcuni di noi dormiranno nel Grand Hotel, dovre avremo a disposizione anche le sale per il lavoro.
Altri dormiranno nell'Hotel Union a 4 passi di distanza.
TUTTI consumeremo i pasti insieme.


Alcuni link di interesse:


Henry Jenkins - direttore del Comparative Media Studies Program del MIT
Il Blog
Sul MIT
Cultura convergente

BOA, Bicocca Open Archive

RSS Ideas in Education

C. Formenti, **Cybersoviet: Utopie postdemocratiche e nuovi media**

Internet Archive, ****Universal access to human Knowledge****

Free Online Course Materials **| MIT OpenCourseWare**


WEB 2.0, aka U.go


Utilizzando l'account Google
Blogger per bloggare
Google Maps e Earth per lavorare su mappe satellitari
Sketchup per fare modelli 3D e lavorare a braccetto con GEarth per disegnare la scuola in 3D e metterla sulle mappe satellitari
Lively la nuova chat 3D di google
Picasa per le immagini
Talk per chattare (lo trovate anche dentro la Gmail; se lo installate come messenger, potete anche fare chiamte vocali, come skype)
Coop per creare motori personalizzati
Googlepages per avere siti web "statici" con 100mega di spazio; URL a vostra scelta
Calendar (usatelo collaborativamente, e embeddatelo nei vostri blog ufficiali anche scolastici)
GReader (fondamentale avere un aggregatore ben organizzato; embeddate poi il widget sui vostri blog, e usate la funzione Condividi per arredare automaticamente la pagina delle news che avete ritenute meritevoli di pubblicazione)
GoogleDocumenti (fondamentale; scrittura collaborativa a distanza, per creare pagine web pubbliche; accetta doc, rtf, pdf, ppt, xls, openformat)

Immagini
Flickr, Picasa
Resizr per ridimensionare immagini al volo
Splashup un clone di Photoshop online

Blogging
Blogger, Splinder, Wordpress
Tumblr per microblogging

Social network
Ning spazi professionali personali per condivisione e social web
Last.fm musica
Anobii per mostrare i vostri libri, sempre in modalità social web

Social network giovanili
Gaia, Habbo, Netlog, Myspace (prima di scandalizzarsi, indagare)

Aggregatori identitari
ClaimID per raccontare chi siete sul web
LinkedIn per connettervi professionalmente ad altre persone

FriendFeed per tracciare tutte le conversazioni su web dei vostri amici/colleghi, pigliando i feed da tutte le piattaforme di pubblicazione

Bookmarking
Delicious
Magnolia

Homepagestartup per organizzare la vostra homepage di partenza in forma visiva (utile per i desktop dei pc scolastici)

Editing video
Youtube (annotazioni)
Eyespot
Jumpcut

Hellodeo cartoline video
Ustream video in streaming dalla propria webcam, ovvero come avere una webtv in occasione di incontri eventi convegni, da mostrare sul proprio blog embeddando la finestrella video

Videoconferenze (chi ospita scarica un client, gli altri guardano via web; sulla finestra d0interfaccia trovano posto video in streming, ile presentazioni a supporto di quanto dite, una chat testuale, eventualmente altre finestrelle video per videochat)
DimDim
Vcasmo
Omnisio
Yahoo Live
Zentation (ottimo per presentazione sincronizzata a video, come Roncaglia il primo giorno)

Musica
Jamstudio per far girare loop audio secondo progressioni armoniche scelta da voi, con molti strumenti diversi
FLV2mp3 convertitore (tip prendere l'audio dei video di youtube per averlo in mp3)
Media convert (converte tutto con tutto)
Woonz cercamusica
Muxtape per farsi una cassettina musicale, o cmq con file audio propri da caricare

Mobile
Beam me up, Scottie per caricare foto, video, musica, documenti sul cellulare
Fring per chiamate vocali, chattare, interagire su web via cell

Mappe mentali
Bubbl.us semplice, stondato, collaborativo
Text2Mindmap genera le mappe a partire da testo indentato
MindMeister
Kwout per fare una foto "viva" ad una pagina web, mantenendo l'html e i link funzionanti, per poi metterla altrove

News
Popurls
EuFeed News europee/italiane: tutti i feed
Newsmap
Memesphere




Sondaggio ai "Millennials"


Durante l'ultimo pranzo un drappello di nostri incursori si è intrufolato nella sala da pranzo grande, dove si trovavano i ragazzi di Modena impegnati nel loro camp d'inglese.
Certamente, si trattava di un focus-group particolare: informazioni raccolte dagli animatori hanno appurato come si trattassero di giovanissimi appartenenti perlopiù a fasce sociali benestanti o molto benestanti; qualcuno di loro possedeva due cellulari (osservazione personale) e TUTTI si sono scambiati numero cell e posta elettronica, poco prima di salire in corriera.
La stragrande maggioranza frequenta le scuole medie; erano inoltre presenti dei 15/16enni (campisti degli anni precedenti, evidentemente affezionati).
La "semantica dello spazio", nell'osservazione della disposizione nei tavoli in sala da pranzo, rende visibile come alle estremità della sala si fossero posizionati da una parte i 16enni, mentre dalla parte opposta erano seduti i più svegli, ovvero i deliquentelli e e le deliquentelle di terza media. In centro, quelli più piccoli. Le risposte al questionario volante, date per alzate di mano, facevano continuamente emergere questa polarizzazione.
Chiaramente, i ragazzi e le ragazze seduti ai tavoli alle estremità della sala avevano quasi sempre le mani alzate.
Il campione era costituito da 50/60 persone.


Domanda 1 - Hai un blog?
Ha risposto positivamente il 50% abbondante dei presenti
Domanda 2 - Di che tipo?
La domanda mirava a scoprire gli argomenti trattati, ma avrebbe avuto bisogno di una diversa presentazione, di essere articolata meglio. Comunque la maggior parte di quelli che hanno un blog tratta argomenti di tipo personale, passioni musicali o storie personali.
Domanda 3 - Dove hai il blog?
La maggior parte del campione ha affermato di avere il blog sulla piattaforma MSN, LiveSpaces
Domanda 4 - Vai sui Mondi?
Ad un iniziale smarrimento, sono stati suggeriti ActiveWorlds, SecondLife (boato), al che un buon 20% ha affermato di conoscere/frequentare mondi3D. Al nominare i Sims, si è aggiunta qualche mano alzata (aahh, aver aggiunto una domanda sui videogames... anche una sui socialnetwork giovanili sarebbe stata molto utile: su Netlog e Habbo ci vanno in molti)
Domanda 5 - Chattate?
Ha risposto sì l'80% dei presenti.
Domanda 6 - Usate anche chat video, tipo con Skype o Yahoo?
Ha risposto sì il 20% dei presenti.
Domanda 7 - Andate in biblioteca?
Metà dei ragazzi vanno in biblioteca.
Domanda 8 - In biblioteca trovate i computer, e poi anche navigate?
Fondamentalmente, no. Vanno in biblioteca per i libri.
Domanda 9 - Dove navigate?
L'80% dei ragazzi ha risposto che naviga da casa.
Domanda 10 - Avete il computer in camera, in salotto... ?
Il 70% ha risposto che hanno il computer in camera (anni di lavoro per l'educazione genitoriale alle TIC in fumo...)
Domanda 11 - Come siete messi a scuola con i computer? Ve li fanno usare? Navigate da scuola?
La stragrande maggioranza (in coro) ha risposto di no, con un tono oscillante tra la delusione e la riprovazione. Un paio di loro ha aggiunto che usano il pc solo per scrivere su Word. Pochissimi hanno affermato di usare il pc per fare multimedialità, usare programmi per fare musica o video, navigare.